Negli ultimi anni si è assistito a un crescente utilizzo degli strumenti digitali nel mondo del lavoro. L’avanzamento delle tecnologie digitali ha reso possibile l’accesso a una vasta gamma di e-tools (strumenti digitali) che stanno cambiando il modo in cui le organizzazioni operano e gestiscono i propri processi.

E-tools e sicurezza sul lavoro: i vantaggi

L’adozione degli e-tools nell’ambiente di lavoro è in continua crescita per diversi motivi. In primo luogo, questi strumenti consentono una maggiore efficienza e produttività. Grazie a software e applicazioni specifiche, le attività che richiedevano tempo e risorse considerevoli possono essere automatizzate o semplificate, consentendo ai lavoratori di concentrarsi su compiti di maggiore valore aggiunto.

In secondo luogo, l’utilizzo degli e-tools può migliorare la collaborazione e la comunicazione tra i membri del team. Attraverso la condivisione di documenti in cloud, la messaggistica istantanea e le videoconferenze, i professionisti possono interagire in tempo reale, indipendentemente dalla loro posizione geografica. Ciò permette di superare le barriere geografiche e di facilitare la comunicazione tra colleghi o con clienti e fornitori.

Tuttavia, l’introduzione sempre più frequente degli e-tools nel mondo del lavoro solleva anche questioni relative alla salute e alla sicurezza dei lavoratori. Questo è un tema particolarmente rilevante e attuale, che l’Agenzia europea per la salute e la sicurezza (EU-OSHA) ha analizzato approfonditamente.

Secondo l’EU-OSHA, è necessario considerare una serie di fattori quando si utilizzano gli e-tools per garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori. 

Prima di analizzarli è bene però chiarire il concetto di “Strumenti digitali o E-Tools”. Nei precedenti articoli si era già analizzata la campagna “Ambienti di lavoro sani e sicuri” e l’impatto dell’IoT, a tal proposito vi invitiamo a leggere l’articolo di seguito https://isasicurezza.it/l-iot-sui-luoghi-di-lavoro-la-campagna-ambienti-di-lavoro-sani-e-sicuri/

Gli strumenti elettronici, così come riportato dall’Agenzia europea che nel 2023 ha lanciato la campagna “Lavoro sano e sicuro nell’era digitale” sono software interattivi eseguibili su dispositivi elettronici come il pc tramite l’utilizzo di Internet. Tra i diversi scopi che hanno, c’è quello di stimolare la formazione.

Quali i fattori da considerare nell’utilizzo degli E-tools?

Prima di tutto, è importante valutare i rischi connessi all’uso di questi strumenti digitali e adottare le misure preventive necessarie. Ad esempio, l’uso prolungato di dispositivi elettronici può causare affaticamento visivo o posturale, pertanto è necessario pianificare pause regolari per prevenire tali problemi.

L’EU-OSHA sottolinea l’importanza di garantire una formazione adeguata per l’utilizzo degli e-tools. I lavoratori devono essere consapevoli dei rischi legati all’uso di tali strumenti e devono essere in grado di utilizzarli correttamente. Formazioni specifiche possono essere necessarie per imparare a utilizzare in modo sicuro e efficiente determinati software o macchinari digitali.

Altro aspetto sicuramente importante è il monitoraggio degli e-tools; è bene rivedere periodicamente le politiche e le procedure di sicurezza legate a tali strumenti. L’evoluzione rapida delle tecnologie digitali richiede un costante adeguamento delle politiche e delle misure di sicurezza al fine di garantire la protezione dei lavoratori.

In conclusione, l’utilizzo sempre più frequente degli strumenti digitali nel mondo del lavoro offre numerosi vantaggi in termini di efficienza e collaborazione. Tuttavia, è fondamentale prestare attenzione alla salute e alla sicurezza dei lavoratori durante l’utilizzo di questi strumenti. L’EU-OSHA fornisce indicazioni dettagliate per garantire un utilizzo sicuro ed efficace degli e-tools, compresa la valutazione dei rischi, la formazione adeguata e il coinvolgimento attivo dei lavoratori nella gestione della salute e della sicurezza.